Come andare in pensione a 30 anni: coppia USA svela il suo segreto

Come andare in pensione a 30 anni sarebbe il sogno di moltissimi di noi. Vediamo come c’è riuscita una coppia di americani, e se è fattibile replicare.
Come andare in pensione a 30 anni
Come andare in pensione a 30 anni

Come andare in pensione a 30 anni è forse una domanda all’apparenza davvero banale. Siamo abituati a concepire una lunga strada lavorativa, e un avvio alla pensione oltre la soglia dei 60 anni. A quanto pare però una giovane coppia di americani è riuscita a sovvertire tale ragionamento, e a comprovare con la propria esperienza personale, quanto sia in effetti possibile andare in pensione con larghissimo anticipo.

Come andare in pensione a 30 anni?

Anche se negli ultimi mesi è ritornata alla ribalta la possibilità di accedere a scivoli per l’accesso alla pensione anticipata, di certo in Italia siamo ben lontani da poter andare in pensione a 30 anni. Se ai più può sembrare una vera e propria utopia, a quanto pare andare in pensione in giovane età è un’idea fattibile. Sta facendo il giro del mondo la notizia di come una giovane coppia americana ci sia riuscita. A quanto pare Steve e Courtney Adcock   non avevano di certo l’indole di votarsi al lavoro, fino alla soglia della vecchiaia.

Come c’è riuscita quindi la giovane coppia americana?

Certo non avendo grandi possedimenti, e non avendo alle loro spalle delle famiglie facoltose, hanno dovuto ben ponderare il da farsi, in vista di un riposo professionale in largo anticipo. Ma vediamo come hanno potuto  fare in modo di anticipare la fine dell’impegno lavorativo, senza fare una rapina in banca, o vivere di stenti.

Nel pianificare la cessazione della loro attività lavorativa, la coppia 30enne americana ha iniziato con il risparmiare. Ogni mese Steve e Courtney hanno messo da parte metà dei loro stipendi. La cifra che si sono prefissati come quota per vivere tranquillamente in pensione, secondo i loro calcoli si attestava a massimo 900 mila dollari. Il loro budget iniziale era fermo a quota 650 mila dollari. Come fare?

Il primo step è stato quindi quello di accantonare il 50% delle loro mensilità retributive, il secondo invece, quello di andare a ridurre le spese. Anche se sembra superfluo e scontato, andando già a tagliare i vari abbonamenti alla televisione via cavo, opzioni dei contratti telefonici e servizi vari, si possono andare a comprimere notevolmente le uscite.

La regola vincente del 4%

Altra mossa vincente per operare tutta una serie di tagli alle spese di gestione giornaliera della nostra vita, è stata quella di essersi trasferiti in un’abitazione più piccola, ma comunque confortevole. Sappiamo tutti quanto possa incidere il costo del riscaldamento o del condizionamento in una casa. La gestione di un patrimonio immobiliare per quanto possa essere semplice, nasconde diverse voci di spesa che se sommate tra di loro, posso rivelare numeri inaspettati: gas, luce, manutenzioni varie, pulizie, tasse e oneri vari.

A questo punto è stata messa in atto da Steve e Courtney la cosiddetta strategia del 4%. S’intende con questo termine la possibilità che si è data la coppia di prematuri pensionati, di poter prelevare dal proprio fondo finanziario la soma pari al 4%. La percentuale è pari al 50% della percentuale di rendita del loro fondo investito che a medio e a lungo termine, porta a casa un netto pari all’8%.

Anche se i loro prelievi di cassa annui sono pari al 4%, in realtà il loro fondo va verso un crescendo comunque. Non male quindi fare un pensierino su questa strategia tutta americana e iniziare ad accantonare, per concepire l’entrata in pensione, in giovane età.