Connettiti con noi
ocse

Economia

Per l’OCSE l’Italia ce la può fare

Per l’OCSE l’Italia ce la può fare

Per l’OCSE l’Italia ce la può fare
5 (100%) 3 vote[s]

Durante il G7, l’OCSE ha evidenziato i dati italiani, indicando che il PIL è rimasto bloccato. Ecco tutte le rilevazioni dell’ente internazionale.

Durante il G7 di Biarritz l’OCSE (ovvero l’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico) ha parlato della situazione italiana dal punto di vista economico.

Secondo l’organizzazione dopo il rialzo dello 0,1% nel primo trimestre 2019, il PIL italiano è rimasto sostanzialmente invariato, con relativa influenza su tutto il panorama europeo e non solo. Infatti, l’Italia è tra le potenze economiche più importanti al mondo e questo fa sì che il quadro generale non sia poi così difficile.

Per l’OCSE non si tratta di un avvertimento, o di un segnale grave sulla situazione economica italiana, ma semplicemente di un dato con cui si deve comunque fare i conti, ben consapevoli che l’Italia ha caratteristiche ben precise.

L’Italia è il primo paese dell’Unione Europea per quanto riguarda il comparto manifatturiero. Ha ottimi rapporti commerciali sia con gli Stati Uniti, che con la Russia e la Cina. Vanta ottimi rapporti diplomatici in tutto il mondo. È il Paese che risparmia di più al mondo.

La crescita del PIL pari a zero è stata un dato che si è evidenziato sia al confronto con i tre mesi precedenti del 2019 sia con lo stesso periodo del 2018. Quindi, non poteva passare inosservato da chi si occupa di vigilare sulle economie dei singoli Paesi con una visione d’insieme.

I segnali per Angel Gurria

Il segretario generale dell’OCSE Angel Gurria ha evidenziato che, nonostante i diversi governi, l’Italia si è sempre presentata come Paese istituzionalmente forte, in grado di gestire anche quelle che sono le dinamiche politiche e di conseguenza quelle economiche.

Il deficit è più basso rispetto a quello che avevano detto gli analisti. Quindi questo permette di stimolare l’economia e di dare la possibilità di ridurre le tasse, almeno secondo Gurria.

Quindi, per l’OCSE ci sono tutte le condizioni per ridurre l’aumento dell’Iva e per dare all’Italia un po’ di stabilità, non soltanto economica.

Copywriter freelance, si occupa di notizie di economia da 8 anni. Per lei, avere una mente finanziaria è il miglior modo per miglirare la vita di tutti i giorni.

Commenta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Vai su
×

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi