Connettiti con noi
lavoro

Economia

Lavoro: “Ci saranno 428mila assunzioni”

Lavoro: “Ci saranno 428mila assunzioni”

Arrivano buone notizie dagli studi di Unioncamere.

Vota questo articolo

In tre mesi, a lavoro saranno +50mila persone secondo le stime di Unioncamere.

Buone notizie sul fronte del lavoro in Italia. Unioncamere e Anpal hanno pubblicato un comunicato stampa con i risultati della loro ricerca, commissionata a Excelsior. A Luglio 2019 saranno ben 428mila le persone al lavoro.

I nuovi contratti di assunzione saranno +10mila rispetto a Luglio 2018. La ricerca ha incluso anche il periodo da Luglio a Settembre 2019. Secondo le proiezioni, ci saranno 1,13 milioni di posti di lavoro.

Quindi, ci saranno +50mila persone assunte rispetto allo stesso periodo del 2018. Il tasso di crescita è del 4,8%.

Le competenze richieste

Lo studio di Unioncamere ha messo in luce anche le competenze richieste dal mercato del lavoro. Per avere maggiori opportunità, ecco quali sono i settori dove formarsi.

  • metallurgico;
  • lavorazione del legno per arredi;
  • moda;
  • meccatronica;
  • ICT;
  • scienze informatiche;
  • fisica;
  • chimica;
  • ingegneria;
  • diplomi elettrotecnici e professionali.

Le aziende che hanno più difficoltà a trovare personale sono quelle del settore alimentare. In più, ci sono difficoltà anche nelle telecomunicazioni.

L’Italia è spaccata in due sulle assunzioni. La richiesta è soprattutto nel Nord-Est e in Toscana.

Lo studio si presenta come un’altra conferma dopo i dati ISTAT sull’occupazione. Infatti, anche quei dati mostravano un andamento positivo già da Maggio di quest’anno.

Il CNA conferma le statistiche sul lavoro

Anche il CNA conferma quanto detto da Unioncamere. Nelle microimprese aumentano gli assunti dello 0,5% rispetto a Giugno 2019 e del 2,7% rispetto a Luglio 2018.

I contratti a tempo determinato scendono dell’11,7%. Nonostante il clima di incertezza economica, l’andamento dal 2014 è molto positivo.

CNA ha registrato, infatti, un aumento del 15,5% dal 2014 a oggi. Il trend positivo è un ottimo segnale di ripresa, ma non basta.

Nuove assunzioni e incentivi possono dare una risposta concreta all’economia italiana, che si presenta stabile anche sul piano economico. Basti pensare all’addio alla procedura di infrazione europea.

Fonte: TeleBorsa.

Copywriter freelance, si occupa di notizie di economia da 8 anni. Per lei, avere una mente finanziaria è il miglior modo per miglirare la vita di tutti i giorni.

Commenta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Vai su
×

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi