Borsa Italiana: azioni CNH, Poste, Interpump, Generali e altre da monitorare

Per la Borsa Italiana è tempo di avere gli occhi puntati su 10 titoli. I mercati azionari fanno intravedere una possibile proiezione verso quota 24.939 punti, andando a fissare così il suo test di resistenza. 10 titoli da monitorare, vediamo quali, e come approfittarne
Borsa Italiana
Borsa Italiana

La Borsa Italiana ha visto la sua chiusura la scorsa settimana con l’indice FTSE Mib attestarsi a 24.766,09. Una prestazione che ha incassato un +0,63%. Vediamo ora i possibili scenari che si potrebbero profilare nel corso di questi giorni, nei vari settori d’investimento.

Borsa Italiana: 10 azioni da monitorare

Il suggerimento che ci viene dato dal FTSE Mib 40, è quello favorevole ad un periodo positivo, andando alla ricerca della resistenza, sui termini fissati allo scorso 6 maggio.

Il Dow Jones Italia nei giorni scorsi ha messo a segno un’ottima ripresa con il segno positivo di +2.72% nei bancari commerciali, e +26.35% per i viaggi e tempo libero. Da segnalare il calo dia del comparto alimentare, ed il settore tecnologico.

Se vogliamo vedere ad una lunga distanza lo stop loss potrebbe stabilizzarsi a 24.430, con un secondo target a quota 26.00. lo short di contro propende per quota 24.040, e un’entry a 23.850

Le 10 azioni da tenere d’occhio

La settimana in corso vede tra i titoli del FTSEMib40, diverse occasioni d’interesse:

  1. CNH Industrial
  2. Interpump
  3. Poste Italiane
  4. Maire Tecnimont
  5. Generali
  6. SeSa
  7. Banca Popolare di Sondrio
  8. Tamburi Investment Partners
  9. A2a
  10. Reply

CNH Industrial

Il titolo CVH Industrial bissa la quota raggiunta lo scorso 10 maggio con 14 euro. Viene stimato un prossimo target long a 15 euro. La peggiore dell’ipotesi ci indica invece una quotazione verso area 13.30 euro.

Interpump

Altro titolo da monitorare nel corso di questa settimana è Interpump. La prima prova la possiamo definire in area 45,50 euro.si cerca di recuperare quanto perso dal 28 aprile  al 13 maggio scorso. Prevedibile un cambio di rotta a partire da 41,80 euro

Poste Italiane

Poste Italiane ha archiviato velocemente la giornata nera del 12 maggio scorso. Fondamentale ora una stabilizzazione delle azioni, per evitare lo scivolone in zona 10.55 euro.se dovesse avere seguito il trend di base, sarebbe auspicabile un primo test collocato a 11,30 euro

Maire Tecnimont

Il titolo fa intravedere una fase a volatilità elevata. La settimana si aperta  registrando un rialzo pari al 2,91%. Possibili quindi il favore dalla Borsa  dopo l’ultimo dato che la vede a quota 2,834 euro

Generali

Il colosso assicurativo a quanto pare potrebbe aver intrapreso la strada verso un test in area 18 euro. Il segnale che fa intravedere tale possibilità è la rottura a rialzo della resistenza a quota 17,30.

SeSa

Con il titolo Sesa si assiste ad una fase a volatilità elevata. I volumi scambiati registrano una crescita, e si attestano a 30,735.il massimo registrato nell’ultima giornata di scambi è stato pari a 122.2 euro.

Banca Popolare di Sondrio

Il titolo bancario registra la partecipazione degli operatori, con 3,412,431 pezzi scambiati. Inizio settimana al rialzo, che rende possibile un’evoluzione a breve diretta verso il rialzo

Tamburi Investment Partners

Il titolo Tamburi Investment Partners sta indirizzando i propri azionisti verso l’idea di un possibile rialzo, dopo aver registrato 7,9 euro, quale massimo. Si profila un periodo a volatilità ridotta

A2a

Il titolo coglie il favore dei mercati, andando a rompere a rialzo. A2a si co9lloca oltre l’area di prezzo. Si sta assistendo ad una costante di crescita che ha veduto l’avvio lo scorso 30 ottobre. Ora il prossimo obiettivo auspicabile vede 1.78 euro andarsi a collocare in area di resistenza. Solamente una valutazione a1,60 farebbe intravedere la rottura della trendline dinamica, di medio termine

Reply

Il titolo Reply la scorsa settimana ha fatto registrare il suo massimo storico. 116,70 euro è quanto raggiunto nella giornata di venerdì. I suoi investitori hanno assistito già il 13 maggio scorso la sua rottura a rialzo nella fase di compressione laterale, per poi dare un decisivo allungo. A quantoo pare ora il prossimo obiettivo long è auspicabile a quaota125 euro. Una virata del titolo possibile solo sotto il supporto statico, con la trendline a breve termine a livello 109 euro. In questo possibile scenario si andrebbe a testare il supporto dinamica di medio termine, con una collocazione minore.

Avvertenza

La presente pubblicazione è stata preparata da Mentefinanziaria.it in completa autonomia e riflette quindi esclusivamente le opinioni e le valutazioni dell’Editore.
In ogni caso, l’Editore non è responsabile per qualsiasi perdita o danno, diretto o indiretto, che possa derivare dall’utilizzo dei contenuti della presente pubblicazione.