Bonus trasporti pubblici: sconto per abbonamenti e biglietti

Bonus trasporti contenuto nel pacchetto Aiuti. Cerchiamo di comprendere le modalità di accesso alla misura istituzionale appena pubblicata in Gazzetta Ufficiale
bonus trasporti
bonus trasporti

Bonus trasporti quale novità introdotta nel recente decreto Aiuti, messo a punto dal Governo di Mario Draghi. Ecco cosa comprende il sostegno istituzionale, chi potrà beneficiarne e i parametri della misura messa a disposizione.

Bonus trasporti: di cosa si tratta

Ecco quindi giungere uno sconto rivolto ai lavorati e agli studenti che vanno ad utilizzare il servizio pubblico dei trasporti. Il Governo Draghi ha messo a punto uno stanziamento fondi, al fine di andare a garantire la riduzione degli abbonamenti, per determinate categorie di utenti.

Il sostegno rientra nel pacchetto Aiuti che è stato studiato per offrire un sostegno economico alle famiglie italiane e alle imprese presenti sul nostro territorio, che stanno subendo disagi economici anche a seguito della crisi Ucraina-Russia.

Il fine dei palazzi governativi italiani è quello di andare a contrastare ove possibile, l’incremento dei prezzi delle materie prime, delle utenze energetiche, dei carburanti e dei prodotti a largo consumo.

Bonus trasporti: come è regolamentato

Purtroppo al momento non vi sono notizie precise in merito alla regolamentazione del bonus trasporti, e alle sue modalità di accesso. Per meglio comprendere il meccanismo che lo determina e i soggetti destinati al sostegno, sarà necessario attendere ancora qualche giorno.

Infatti a tal riguardo anche il ministro del Lavoro Orlando non si è espresso in merito. Si dovrà attendere pertanto la pubblicazione di un’imminente pubblicazione ufficiale, in cui troveranno spazio le modalità di accesso alla misura, e le regole precise al fine di ottenere il rimborso spettante. Il testo del Decreto Aiuti approdato in Gazzetta Ufficiale  intanto conferma l’introduzione di un contributo pari a €60 euro (come importo massimo), riconosciuto ai titolari di redditi non superiori al limite di 35.000 euro.

Ancora non è stata fatta chiarezza se la misura ormai formulata in ogni dettaglio dal Governo, preveda uno sconto al momento dell’acquisto di ticket e abbonamenti del servizio del trasporto pubblico. Al momento non è dato sapere altresì,  se ciò si possa svolgersi in altra modalità. Di fatto sarà per mezzo di un decreto attuativo del Ministero del Lavoro, di concerto con il MEF e con il MIMS, a fare luce  sulle regole per avviare le  richieste di accesso al  bonus trasporti.

Infatti potrebbe essere anche plausibile l’ipotesi che vede il bonus trasporti essere manifesto attraverso una detrazione fiscale, da operare in fase di dichiarazione dei redditi. C’è anche la ventilata possibilità che il bonus si possa manifestare anche attraverso un’ulteriore forma di rimborso.

Contestualmente però ancora non sono resi noti né le percentuali di un possibile sconto sui costi dei biglietti o abbonamenti dei mezzi pubblici, né tantomeno un’ipotetica cifra di sconto.

Quanto è  stanziato per il bonus trasporti

Il Consiglio dei Ministri ha varato il decreto che prevede in questo caso, lo stanziamento di una somma pari a 14 miliardi di euro. Tale importo dovrà fornire il giusto sostentamento alle famiglie italiane e a quelle imprese presenti sul nostro territorio nazionale. Queste da tempo stanno vivendo una situazione di criticità economica.

La somma messa a disposizione altro non è che l’importo relativo al prelievo straordinario sugli extra profitti, delle aziende energetiche,  elevato alla soglia del 25%. Nel pacchetto Aiuti varato dal Governo, è bene porre l’attenzione anche sull’approvazione del contributo pari a 200 euro, che sarà destinato a lavoratori e pensionati italiani. la misura a sostegno sarà riconosciuta a coloro che risulteranno essere in possesso di redditi finanziari e patrimoniali al di sotto della soglia dei 200 mila euro.

Della somma pari a € 79 milioni, messi a disposizione disposizione, a quanto pare una quota pari a 1 milione di euro verrà utilizzata per la gestione della piattaforma per fare domanda. Penserà la SOGEI a predisporre il portale dedicato ad accogliere  le richieste del bonus trasporti.

Non resta quindi che attendere le prossime notizie che andranno ad interessare i trasporti pubblici come: bus, tram e metropolitane.

Articoli Correlati