Plafond carta di credito: come e quando si può aumentare

Plafond della carta di credito personale da incrementare o da modificare, nel caso in cui vengano a cambiare le nostre esigenze. Vediamo meglio come procedere.
plafond
plafond

Plafond sempre sotto controllo, per un corretto utilizzo della propria carta di credito. Ormai il pagamento digitale si avvia ad essere sempre più sicuro e diffuso. Ci si potrebbe però trovare proprio a causa del suo largo consumo, a dover ritoccare il tetto massimo di spesa precedentemente pattuito con la nostra banca. Scopriamo in che termini può definirsi la nuova contrattazione finanziaria, andando a ritoccare il limite massimo di spesa mensile, della nostra carta di credito.

Carta di credito, plafond: crescono i vantaggi e la sicurezza nei pagamenti

Lo strumento di pagamento digitale risulta essere sempre più sicuro, e amplia continuamente la platea dei suoi utenti. Oltre alla sua larghissima diffusione, il sistema di pagamento in sé stesso ne decreta il successo da tempo. Infatti il meccanismo che è alla base delle carte di credito è la possibilità di versi l’importo speso slittare al mese successivo.

Un ampio sospiro di sollievo all’economia familiare che spesso deve barcamenarsi tra entrate e uscite. Non è sempre facile far coincidere le spese da operarsi, in prossimità delle riscossioni di stipendi e affini.

Quali sono i diversi tipi di carte di credito

La carta di credito si differenzia dalla carta di debito e dalle carte prepagate, per tutta una serie di vantaggi a favore della clientela. Il più evidente è quello di poter effettuare spese che si vedranno contabilizzate il mese successivo, in un unico prelievo dal conto bancario. In alternativa ci si può servire delle carte di credito dette revolving, che consentono il pagamento delle somme di spesa accumulate, in comode rate mensili.

Nel secondo caso verranno applicati dei tassi d’interesse come una qualsiasi forma di finanziamento. Da notare che sia nel caso delle carte tradizionali che per le revolving, bisognerà sempre definire un plafond di spesa massima mensile, con la nostra banca.

Limite di utilizzo della carta di credito

Il tetto massimo di pagamenti elettronici a disposizione, include anche un massimo di prelievi da potersi effettuare presso gli sportelli automatici ATM. I massimali di utilizzo che normalmente vengono applicati alla clientela dagli istituti bancari, includono due tipologie di plafond:

  • Un tetto massimo di contante a disposizione con i prelievi giornalieri o nel corso del mese.
  • Un limite di spese effettuabili con gli acquisti on line.

Da tenere bene a mente che il plafond non è una cifra cumulabile, ma ci consente di disporre di una cifra di spesa stabilita, pur non avendone nell’immediato la disponibilità sul proprio conto.

Come aumentare il proprio plafond

I titolari di carta di credito, indipendentemente dalla tipologia potranno richiedere l’aumento del proprio tetto di utilizzo. Si potrà avanzare richiesta presso il proprio istituto bancario sia per un innalzamento del plafond temporaneo, che permanente.

Bisognerà fornire delle giustificazioni di utilizzo, al fine dell’accoglimento della richiesta. è bene ricordare che ai titolari di carta di credito sono richieste sempre delle garanzie sul fronte del proprio reddito. Nel caso in cui si possano attestare delle sicurezze patrimoniali o delle entrate fisse sul conto personale (stipendi, pensioni), non vi saranno ostacoli alla richiesta. il plafond minimo è pari a € 800 mensili, e spesso richiederne un aumento comporterà un costo annuale maggiore, della carta di credito.

Articoli Correlati