Connettiti con noi
Piazza affari

Finanza

Milano apre in rosso. In calo tutte le borse europee

Milano apre in rosso. In calo tutte le borse europee

I numeri globali del Coronavirus spaventano i mercati. Milano apre la settimana in rosso, con -2,5%. In calo tutte le borse europee. Spread a 200 punti.

Inizia una nuova settimana all’insegna del Coronavirus anche per le borse europee che, come ormai accade sempre più spesso, aprono in ribasso. Milano apre la settimana in rosso, perdendo il 2,5%. In calo anche tutte le borse europee: Londra -4,5%, il Dax di Francoforte perde il 4,63%, Parigi arretra del 4,17%.

Borse europee in calo. Spread Btp – Bund in rialzo a 200 punti

Lo spread Btp – Bund apre in rialzo a 200 punti, dopo la chiusura a 194 di venerdì. Un rialzo che, comunque, si mantiene in una soglia psicologica di sicurezza, grazie all’intervento della Bce e al neo emanato programma di acquisto di titoli per 750 miliardi di euro, in vigore almeno sino alla fine 2020.

Coprifuoco in India: il lockdown del secondo paese più popoloso al mondo

Se la situazione europea non è delle più rosee, non va meglio in Asia, dove Mumbai perde l’11% dopo il lockdown di 14 ore annunciato dal primo ministro Narendra Modi. La misura ha previsto un coprifuoco generalizzato di tutto il paese dalle 7 alle 21 di sabato. I media internazionali parlano di “coprifuoco del popolo“, in atto per contrastare l’avanzata del Coronavirus nel secondo paese più popoloso al mono. “Le misure che prendiamo ora ci aiuteranno nei tempi a venire. State a casa e state al sicuro“, ha dichiarato il premier.

Olimpiadi rinviate? Il premier Abe: “ rinvio possibile, ma la cancellazione non è un’opzione

Chiudono in rosso anche gli altri mercati asiatici, ad eccezione di Tokyo che guadagna un timido 1,87%, nella speranza che le Olimpiadi del Giappone siano solo rinviate e non cancellate. Shinzo Abe, primo ministro giapponese, ha infatti da poco annunciato che i Giochi Olimpici potrebbero essere un problema, se tenuti in queste condizioni.

Tenendo in considerazione la salute degli atleti, potrebbe essere inevitabile prendere la decisione di rinviarli. Anche se il Comitato Internazionale Olimpico prenderà una decisione finale, siamo della stessa opinione che la cancellazione non è un’opzione“.

I numeri nel mondo che spaventano borse e mercati.

I numeri a livello globale spaventano le borse: 14.300 le persone decedute a seguito del contagio e 1 miliardo c.a. di persone “a casa”.

Commenta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Vai su
×