Lavoro: novità per il contratto a tempo determinato

Il lavoro in questi ultimi mesi è stato oggetto di attenzione da parte del Governo. Oltre al decreto Sostegni bis, in arrivo novità contrattuali per favorire assunzioni in forma stabile.
lavoro
lavoro

Il lavoro dipendente in questi ultimi mesi ha vissuto importanti novità. L’attenzione riposta da parte il Governo Draghi, ha sviluppato attraverso il Decreto Sostegni bis, delle agevolazioni a favore dei comparti che maggiormente hanno risentito della crisi post allarme Covid – 19.

Contestualmente, si stanno mettendo in atto nuove strategie occupazionali, volte a garantire stabilità lavorativa, e nuove assunzioni. Tra le varie iniziative in corso, troviamo anche la nuova definizione dei contratti di lavoro a tempo determinato.

Nuovi provvedimenti sono al vaglio del Governo e delle parti sociali, per la formulazione di una nuova regolamentazione, del lavoro a tempo determinato. si profila la possibilità di vedere la trasformazione del contratto a tempo determinato, successivamente ai 12 mesi enunciati attraverso il Decreto Dignità 2018.

Vediamo meglio il vecchio contratto di lavoro a tempo determinato, e i suoi possibili perfezionamenti a breve.

Lavoro: in arrivo incentivi per i contratti a tempo indeterminato

Sul tavolo delle trattative riguardanti il mondo del lavoro, non possono di certo mancare gli inventivi rivolti alle assunzioni a tempo indeterminato. Al momento sono in essere agevolazioni per le Aziende che intendano assumere donne, o giovani che purtroppo non cessano di identificare le categorie di lavoratori, più difficili da collocare.

Il contratto di rioccupazione avrà lo scopo di favorire le assunzioni di lavoro a tempo indeterminato, unitamente a strumenti e iniziative messe a disposizione dal Governo. Ad esempio il risparmio del versamento dei contributi da parte delle Aziende che assumono a tempo indeterminato, vedono lo Stato assolvere a tale onere. Si incorre in sanzione e alla perdita del beneficio però, nel caso in cui non si vada a perfezionare il contratto.

 Decreto Dignità 2018: ecco i punti principali

La regolamentazione prevede un massimo di occasioni in cui l’Azienda può richiede il contratto di lavoro a tempo determinato. al suo termine, scatta d’obbligo l’assunzione del lavoratore in modalità indeterminata.

La durata contrattuale del contratto di lavoro a tempo determinato oltre i 12 mesi, può essere messa in atto solo in particolari casi. Questi devono essere dichiarati in fase di rinnovo:

  • Comprovate necessità temporanee che non rendano possibile il normale svolgimento dell’attività lavorativa in Azienda.
  • Motivazioni riguardanti le sostituzioni del personale impiegato.
  • Motivazioni scaturenti in non previsto dell’attività produttiva, rispetto alla normale mole di lavoro programmata.

Novità per il rinnovo del lavoro a tempo determinato

Il Decreto dignità a quanto pare potrà essere oggetto di rinnovamento, vedendo nuove determinazioni nella conclusione contrattuale a termine. Si dovrebbe pertanto avviare una revisione contrattuale, anche da parte delle parti sociali, che concorrerebbero a stabilire in quali situazioni sia opportuno proporre un contratto a termine.

Tale misura si rende e necessaria al fine di andare a favorire una ripartenza nel mondo del lavoro, e dell’occupazi0one in Italia. Si stanno ancora contando i danni derivanti dall’allarme Covid- 19, e dai fermi produttivi.

Si potrebbe profilare l’eventualità di non dover più provare esigenze lavorative particolari legate all’aumento o meno dell’attività lavorativa. Le motivazioni legate  alla sostituzione di lavoratori, o alle esigenze produttive legate a periodi transitori, non più determinanti. Le parti sociali avranno pertanto voce in capitolo, nella definizione contrattuale, prevedendo un tempo massimo di applicazione del tempo determinato, ai 24 mesi.