Connettiti con noi
Lavoratori

Economia

Cassa integrazione e malattia: cosa prevale?

Cassa integrazione e malattia: cosa prevale?

Cassa integrazione e malattia: cosa prevale? Chiarimenti dell’INPS sui casi in cui la Cassa Integrazione sostituisce l’indennità giornaliera da malattia. Casistica specifica e il messaggio dell’Istituto

Cassa integrazione e malattia: cosa prevale? Tra gli strumenti ormai noti al grande pubblico a seguito del lockdown da Coronavirus, sono da annoverare sicuramente la Cassa Integrazione Ordinaria, Straordinaria e l’indennità giornaliera da malattia.

Con messaggio numero 1822 del 30.04.2020, l’INPS chiarisce che, in caso di sussistenza dei requisiti per entrambi i trattamenti, “il trattamento di integrazione salariale sostituisce l’indennità giornaliera di malattia, nonché la eventuale integrazione contrattualmente prevista“.

All’interno del messaggio, l’Istituto ricorda le disposizioni vigenti in materia, tra cui risulta prevalente il D.l. 148/2015 del Jobs act. Con riferimento alla circolare 197/2015, si legge che l’art. 3, comma 7 della riforma stabilisce espressamente il principio di prevalenza della CIG sulla malattia“.

Il messaggio non lascia spazio a fraintendimenti e riporta, inoltre, alcune casistiche frequenti.

Malattia contratta durante la Cassa Integrazione

Nel caso in cui la malattia insorga durante il periodo di sospensione dell’attività lavorativa, il lavoratore continuerà ad usufruire della Cassa Integrazione, essendo ovviamente l’attività lavorativa già sospesa. Il lavoratore, pertanto, non dovrà nemmeno comunicare lo stato di malattia.

Malatti contratta prima della Cassa Integrazione

Nel caso in cui la malattia sia insorta prima del periodo di sospensione dell’attività lavorativa per la quale è stata già richiesta la Cassa Integrazione, si configurano due possibilità:

  • se l’attività lavorativa è stata sospesa nell’intera azienda, reparto, settore o squadra: anche il lavoratore che ha contratto la malattia, continuerà a usufruire della CIG, come i colleghi;
  • se l’attività lavorativa non è stata sospesa in toto per azienda, reparto, settore o squadra: il lavoratore in oggetto usufruirà dell’indennità di malattia prevista per legge.

Malattia contratta durante la Cassa Integrazione per lavoratori ad orario ridotto

Nel caso in cui la Cassa Integrazione sia relativa all’integrazione per contrazione dell’attività lavorativa, “quindi riguarda dipendenti lavoranti ad orario ridotto, prevale l’indennità economica di malattia“.

Le regole sopra ricordate per la Cassa Integrazione Ordinaria, si applicano anche per i trattamenti di CIG in Deroga e per il Fondo d’integrazione Salariale

Commenta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Vai su
×