Connettiti con noi

Notizie

Carola Rackete e Sea Watch: manovra pirata ha affondato una motovedetta della GdF per entrare nel porto

Carola Rackete e Sea Watch: manovra pirata ha affondato una motovedetta della GdF per entrare nel porto

Carola Rackete e Sea Watch: manovra pirata ha affondato una motovedetta della GdF per entrare nel porto
5 (100%) 1 vote[s]

La capitana, Carola Rackete rischia dai 5 ai 12 di carcere per i seguenti reati: favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, resistenza alle navi da guerra e tentato naufragio della motovedetta della GdF.

 Nella notte del 29 giugno, è tutto fuori legge quello che ha fatto la capitana ed è stata subito arrestata dalla GdF e verrà processata per direttissima.

La capitana a bordo della Sea Watch ha di fatto forzato il blocco di una motovedetta che era rimasta a bordo del porto per presidiare l’ingresso ed evitare che la Sea Watch entrasse. La Capitana ha di fatto ignorato la motovedetta entrando con presupponenza nel porto e schiacciando la motovedetta vicino alla banchina.

Gli uomini della GdF sono rimasti schoccati dalla manovra che di fatto ha rischiato di essere una strage in quanto si sono visti la barca da 600 tonnellate venirsi addosso, fortunatamente nessuno si è fatto male.

Alcuni uomini della Guardia di Finanza hanno dichiarato ai giornalisti di Adnkronos: “Addosso a noi è arrivato un bestione da 600 tonellate. Abbiamo rischiato di morire. Da parte della Sea Watch una manovra criminale, noi siamo stati schiacciati sulla banchina”

Giorgia Linardi, portavoce di Sea Watch ha comunicato che:

Non avevamo scelta: al comandante, iscritto nel registro degli indagati, non è stata data nessuna soluzione di fronte a uno stato di necessità dichiarato trentasei ore fa e quindi era sua responsabilità portare queste persone in salvo

La risposta del Viminale è stata:  

Comandante fuorilegge arrestata. Nave pirata sequestrata. Maxi multa alla ONG straniera. Immigrati tutti distribuiti in altri Paesi europei. Missione compiuta. P.S. Vergogna per il silenzio del governo olandese. Tristezza per i parlamentari italiani a bordo di una nave che non ha rispettato le leggi italiane, attaccando addirittura una motovedetta delle nostre Forze dell’Ordine. Giustizia è fatta“.

Continue Reading

Laureata in Economia Aziendale e Management, appassionata di economia e finanza e amante della lettura.

Commenta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Vai su
×

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi