Connettiti con noi

Economia

Buoni fruttiferi postali: parte il rimborso per la serie Q 1999

Buoni fruttiferi postali: parte il rimborso per la serie Q 1999

I buoni fruttiferi postali della serie Q dovranno essere rimborsati a brevissimo.

I buoni fruttiferi postali Serie Q vanno rimborsati. Dopo la sentenza della corte di Cassazione del Febbraio 2019, infatti, Poste Italiane aveva abbassato il tasso di interesse dei buoni della serie Q, ovvero dei buoni fruttiferi aperti dal 1973 al 1999.

Da dopo il 1999, infatti, i risparmiatori sono tutelati dal fatto che le perdite non sono più divise tra chi risparmia.

Serie Q: di cosa si tratta

I buoni fruttiferi della Serie Q sono stati emessi tra il 1973 e il 1999. La sentenza della Cassazione conferma che lo Stato può modificare i tassi di interesse sui buoni fruttiferi anche in maniera retroattiva.

Quindi, chi ha questi buoni non ha ottenuto il rendimento promesso, ma di meno. La Cassazione ha confermato che il rendimento mancato non sarà rimborsato. Questo abbassamento è stato causato da un decreto ministeriale.

Ci sono, però, ancora delle possibilità per i titoli che sono stati emessi tra il 2 luglio 1986 e il 1999. Per un problema burocratico, questi buoni potrebbero non avere la dicitura Q, ma avere le diciture P, oppure O, oppure P-Q, che allora non erano già più in vigore.

Questi errori sarebbero causati dal fatto che i moduli dei vecchi buoni fruttiferi postali non erano finiti negli uffici e lo Stato consentiva di utilizzarli, avvisando però gli addetti agli sportelli di cambiare la dicitura al momento della emissione del titolo.

Questi buoni “sbagliati”, senza timbri, con le diciture sbagliate, oppure senza la giusta indicazione del rendimento, possono essere rimborsati.

Come vedere se si possono rimborsare i buoni

Per essere rimborsabile nonostante la sentenza della Cassazione, il buono:

  • Deve avere una data di emissione successiva al 1° Luglio 1986;
  • Se la serie è “O”, quindi già non valido allora, il rimborso è valido;
  • Per i buoni “P”, si deve vedere se i buoni sono con timbri “P-Q” o se manca qualcosa, come i rendimenti dei 30 anni della serie Q. Se queste informazioni mancano, si può procedere con la richiesta alla ABF.

Copywriter freelance, si occupa di notizie di economia da 8 anni. Per lei, avere una mente finanziaria è il miglior modo per miglirare la vita di tutti i giorni.

Commenta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Vai su
×