Bonus Cashback, al via dall’8 dicembre

cashback

È finalmente arrivato il Bonus Cashback. In Gazzetta Ufficiale si spiega il funzionamento del nuovo metodo di rimborso per combattere l’evasione.

Bonus Cashback al via dall’8 dicembre. È ufficiale. Finalmente pubblicato in Gazzetta Ufficiale, è in arrivo il Bonus Cashback. Dall’8 dicembre 2020, infatti, pagando con metodi elettronici tracciabili in negozi “fisici”, sarà possibile ricevere un cashback del 10%. Ecco come.

Bonus Cashback al via dall’8 dicembre: cos’è e come funziona

Dall’8 dicembre inizierà un periodo sperimentale di utilizzo del Bonus Cashback, che prevede un rimborso del 10% su una spesa annua fino a 3.000 euro effettuata in negozi fisici con carta di credito, bancomat o App di pagamento (tra le più note, ricordiamo SatisPay).

Il rimborso (o cashback) esentasse verrà accreditato direttamente sul conto corrente del richiedente ogni 6 mesi, entro 60 giorni dalla scadenza del semestre, fino a 3.000 euro annui, ovvero 1500 euro semestrali.

Ogni transazione elettronica in negozio fisico, concorre al cashback fino a 150€ massimo. Di conseguenza, importi superiori concorreranno alla formazione del rimborso solo fino a 150€. Per ottenere il cashback del 10% è necessario realizzare 50 transazioni semestrali con i metodi di pagamento su indicati.

Cashback di Natale: come funziona il periodo di prova?

Discorso a parte è il Cashback di Natale. Infatti, come anticipato, dall’8 dicembre sarà possibile utilizzare il Bonus Cashback in via sperimentale.

In questo primo periodo il funzionamento sarà analogo a quello previsto da gennaio 2021 (quindi: tetto massimo di 1500€ semestrali, transazioni considerate fino ad un massimo di 150 euro), ma il numero minimo di transazioni elettroniche tracciabili in negozi fisici sarà di 10 anzichè di 50. Il rimborso, inoltre, è previsto per febbraio 2021.

Come richiedere il Bonus Cashback

Per accedere al Bonus, i cittadini dovranno scaricare l’app IO ed iscriversi al portale.

L’applicazione, disponibile per dispositivi Android e iOS, deve essere ovviamente scaricata e installata sul proprio device. L’accesso è consentito tramite SPID o Carta d’Identità Elettronica (quindi, indispensabili per poter effettuare la richiesta).

Sarà necessario abbinare al proprio codice fiscale tutte le carte di credito, bancomat e applicazioni che si suppone di utilizzare per effettuare i pagamenti. Inoltre, si dovrà inserire il proprio Iban per ricevere il rimborso.