Bancomat o carta di credito: così risparmio sui pagamenti

Bancomat o carta di credito? Spesso il dilemma è legato ai costi dei pagamenti e dei prelievi. Vediamo come poter risparmiare.
bancomat
bancomat

Il Bancomat e la carta di credito hanno delle sostanziali differenze sia nel loro utilizzo, che in merito alle spese legate alle possibili operazioni. Di entrambi i pagamenti digitali oggi non se ne può fare a meno. Il loro impiego è decisamente giornaliero e costante, tanto da non essere quasi più percepito, come un pagamento diverso da quello contante.

La confusione spesso li rende più simili di quanto lo siano in realtà. Anche in relazione al costo dei pagamenti, si delineano differenze sostanziali. Vediamo come operare, al fine di ottenere il maggiore risparmio possibile.

Bancomat e carta di credito: le sostanziali differenze dell’addebito

Tra i due strumenti di pagamento digitale, le sostanziali differenze vengono subito evidenziate dalla diversa modalità di addebito delle nostre spese. Le transazioni si delineano in maniera del tutto differente:

  • Bancomat: essendo una carta collegata al conto corrente in maniera diretta, il pagamento di un prodotto o di un servizio, determina l’addebito immediato sul conto corrente.
  • Carta di credito: in questo caso il denaro non viene prelevato nell’immediato sul conto corrente. La somma che è stata spesa, viene scalata da un fondo messo a disposizione. La società che rilascia la carta di credito anticipa i costi delle operazioni. Il rientro delle somme avverrà come da definizione contrattuale.

La carta di credito e le modalità di rientro delle somme spese

Come abbiamo anticipato con la carta di credito, è messo a disposizione un fondo da cui attingere per le transazioni d’acquisto. Alla scadenza mensile concordata, si dovranno rendere le somme di denaro anticipate. Ciò consente di poter effettuare delle spese, anche se la disponibilità nell’immediato non c’è. A tal riguardo possiamo inoltre definire due modalità di rientro possibili con la carta di credito, per il rientro delle spese effettuate:

  • Carte di credito a saldo mensile: la restituzione delle somme utilizzate per gli acquisti, sono prelevate dal conto corrente nell’immediato.
  • Carte di credito a saldo revolving: la restituzione delle somme utilizzate per gli acquisti, sono rese a rate con prelievo dal proprio conto corrente. In questo caso si avrà l’incidenza dei costi aggiuntivi di interessi.

Vantaggi del bancomat

Vediamo quali possono essere i vantaggi nella scelta di preferire il bancomat, come modalità di pagamento. La carta bancomat, è accettata anche all’estero se recanti il logo di uno dei principali circuiti internazionali di pagamento digitale: Visa, Maestro, o MasterCard.

Tra i vantaggi del suo utilizzo c’è quello di vedersi associata una carta aggiuntiva gratuita, nel caso si voglia aprire un conto corrente on line. Il costo delle singole operazioni risulta essere esiguo, o addirittura assente. Dei costi potranno essere presenti, nel caso di prelievi oltre la propria banca, o in relazione al tetto di operazioni effettuate.

Vantaggi della carta di credito

La carta di credito è un sistema di pagamento più sicuro, in quanto con l’addebito non immediato, si potranno controllare e contestare spese, prima del loro addebito sul conto corrente. Inoltre le carte di credito sono indispensabili in caso di noleggio auto, e in alcuni casi sono offerte polizze a garanzia di quanto acquistato.

Inoltre un ulteriore vantaggio risiede nella possibilità di utilizzare la carta in due modi: sia con addebito a scadenza sul conto, sia in modalità bancomat, con prelievo delle spesse nell’immediato.

Quale scelta operare tra bancomat e carta di credito

Secondo le proprie esigenze si dovrà operare la scelta sul migliore utilizzo delle carte. Nel caso si viaggi molto la carta di credito rimane la prima scelta, in quanto offre una maggiore tutela in caso di smarrimento e truffe. Spesso però rimane difficile avanzarne la richiesta, in quanto la banca di riferimento richiede garanzie, e pone costi fissi molto alti.

Il bancomat ideale invece è quello che si associa ai maggiori circuiti internazionali, lasciando la possibilità di operare anche all’estero.