Connettiti con noi
amazon go grocery

Notizie

Amazon Go Grocery: il supermercato senza casse

Amazon Go Grocery: il supermercato senza casse

Nasce Amazon Go Grocery il supermercato automatizzato del colosso americano

Nasce a Seattle Amazon Go Grocery, il primo supermercato senza casse in cui è possibile fare la spesa e pagare direttamente dall’app. Dopo Amazon Go, lo shop nato nel 2018, Amazon dà vita al Supermercato di oltre mille metri quadrati destinato ai lavoratori in pausa pranzo e a chi ha necessità di fare piccoli acquisti, velocemente.

Come funziona Amazon Go Grocery

Il funzionamento è semplice e analogo ai negozi Amazon Go: il cliente posiziona i prodotti nel carrello che, dotato di speciali sensori, provvede a effettuare la scansione del codice a barre. Il prodotto viene così automaticamente aggiunto al “carrello virtuale” dell’app. Se, poi, dovesse essere riposto nuovamente nello scaffale, i sensori automaticamente rileveranno l’assenza e lo toglieranno dal conto. Il momento del pagamento è sicuramente il più interessante: il cliente potrà pagare immediatamente mezzo Amazon App, senza passare dalle casse (che, comunque, non sono presenti).

Amazon Go Grocery e i posti di lavoro

Se l’idea degli shop Amazon è nata nel 2016, solo dopo l’acquisto di Whole Foods nel 2017 è nata l’idea del supermercato. Un progetto che sta finalmente prendendo vita, nonostante i dubbi sui posti di lavoro. Essendo un negozio privo di casse (e cassieri), questa figura verrà meno, mentre sarà ancora presente il personale che rifornisce gli scaffali.

L’azienda: “Si tratta di un nuovo formato. È una selezione molto più estesa che si rivolge a un pubblico diverso

Offre tutto quello che si può desiderare da un negozio di alimentari di quartiere: prodotti freschi come frutta e verdura, carne, pesce e poi ancora prodotti da forno, per la casa e anche per gli animali. Amazon Go Grocery è un nuovo formato, non è solo un Amazon Go più grande. È una selezione molto più estesa che si rivolge a un pubblico diverso“, ha dichiarato l’azienda. Non resta che aspettare i primi test in Europa.

Commenta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Vai su
×