Connettiti con noi
cina

Economia

Cina, produzione industriale ai minimi storici.

Cina, produzione industriale ai minimi storici.

Mai così in basso: la produzione industriale cinese ha toccato i minimi storici con -13,5% nel bimestre gennaio – febbraio a causa dello stop forzato da Coronavirus. Crollo della Cina.

Produzione industriale in Cina ai minimi storici. Diffusi questa mattina i dati ufficiali dell’economia cinese dall’Ufficio Nazionale di Statistica di Pechino. Negli ultimi 30 anni, la Cina non è mai scesa così in basso, registrando una contrazione della produzione industriale del 13,5% nel primo bimestre 2020. In flessione del 20,5% le vendite al dettaglio.

Un’economia cinese al collasso, quindi, a causa dello stop forzato della produzione dovuto all’epidemia da Coronavirus che ha coinvolto la nazione nel primo bimestre 2020. Crollo anche degli investimenti fissi al -24,5%. Un vero e proprio tonfo, se confrontato con le attese dei mercati: +1,5% sulla produzione e +0,8% sulle vendite.

L’Ufficio Nazionale di Statistica di Pechino accompagna i dati con una nota: “L’impatto del Coronavirus è di breve termine. L’economia ha retto agli shock dell’epidemia“.

Se la Produzione industriale della Cina è ai minimi storici, la People’s Bank of China, la banca centrale cinese, introduce 100 miliardi di Yuan nel sistema finanziario, pari a 12,83 miliardi di euro. Il tasso rimarrà inalterato per un anno al 3,15% a sostegno della liquidità di imprese e famiglie.

Oggi, inoltre, entra in vigore il taglio dei requisiti di riserva delle banche a 1 punto percentuale, contro lo 0,5 precedente. La manovra libererà 550 miliardi di Yuan, pari a 70.23 miliardi di euro, per sostenere l’economia.

Manovre che si sono dimostrate necessarie, a fronte della contrazione della produzione industriale che ha toccato i minimi storici. A gennaio, Pechino aveva imposto un blocco forzato a fabbriche e imprese, invitando i cittadini a rimanere a casa per contenere l’emergenza epidemiologica. Lo stop, che si è poi protratto oltre il lasso di tempo inizialmente preventivato, ha causato la fuga di numero aziende dalla Cina.

Commenta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Vai su
×