Connettiti con noi
Matteo Salvini

Notizie

Open Arms: Salvini di nuovo a giudizio

Open Arms: Salvini di nuovo a giudizio

Nuova richiesta di autorizzazione a procedere contro il leader leghista per il caso Open Arms

Era agosto quando la Open Arms, nave della Ong spagnola, veniva bloccata a largo di Lampedusa per 20 giorni con a bordo 161 persone migranti.

A novembre, la Procura di Palermo nella persona del Pm Luigi Patronaggio aveva trasmesso al Tribunale dei Ministri il fascicolo a carico dell’ex ministro Salvini per la mancata concessione del porto di sbarco sicuro alla nave, sequestro di persona e omissione di atti d’ufficio.

Notificata ieri, quindi, una nuova richiesta di autorizzazione a procedere contro Matteo Salvini. Si tratta della terza richiesta di processo per il leader leghista: il Senato, nel corso del 2019, aveva già negato l’autorizzazione per il caso Diciotti, mentre il 12 febbraio arriverà la richiesta di via libera per il caso Gregoretti.

Salvini: “Vi prometto che non mollo”

Il 1 febbraio, nel corso di una diretta Facebook, l’ex ministro degli Interni Salvini ha dichiarato:

“Mi è arrivata un’altra richiesta di processo perché ad agosto ho bloccato lo sbarco di clandestini dalla nave di una Ong spagnola. Ormai le provano tutte per fermare me e impaurire voi: vi prometto che non mollo e non mollerò, mai”.

I giudici contestano al leader della Lega anche l’omissione di soccorso, riaffermando con decisione l’obbligo di prestare soccorso in mare.

Nuovo sbarco Open Arms

Nel frattempo, ieri in serata si è concluso un ulteriore sbarco: a bordo di Open Arms, questa volta, 360 migranti. Le persone, a seguito della visita medica obbligatoria, sono stati ricoverate presso l’hot spot di Pozzallo (RG), in attesa di essere redistribuiti in altri paesi europei, come previsto dall’accordo di Malta.

Commenta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Vai su
×