Connettiti con noi
apple

Economia

L’Antitrust russa mette Apple sotto inchiesta

L’Antitrust russa mette Apple sotto inchiesta

L’Antitrust russa mette Apple sotto inchiesta
5 (100%) 3 vote[s]

L’accusa per Apple è di abuso di posizione dominante, ostacolando le app e la concorrenza.

L’Antitrust russa ha messo sotto inchiesta Apple. Secondo l’ente, Apple avrebbe ostacolato tutte quelle app in concorrenza con quelle create a Cupertino, adducendo problemi tecnici e, quindi, abusando della propria posizione dominante.

Secondo l’autorità russa, si basa sull’azienda di sviluppo app Kapersky Lab, che aveva denunciato la società della Mela perché aveva problemi continui sulla piattaforma di download.

Infatti, Kapersky Lab aveva un’app sulla sicurezza informatica per bambini. Così, i piccoli potevano usare gli strumenti Apple in modo sicuro. Questa app doveva essere aggiornata, ma la società di Cupertino pare abbia creato numerosi ostacoli per mettere a disposizione questo aggiornamento.

Non potendo aggiornare, l’app ha perso funzionalità. L’accusa di abuso della posizione dominante nasce dal fatto che anche Apple aveva un’aapp che aveva lo stesso obiettivo e che è stata aggiornata senza problemi.

Non è la prima volta

La società statunitense avrebbe creato problemi anche ad altre due applicazioni simili, una di origine ucraina e una di origine spagnola. Le due aziende, però, si sono rivolte direttamente alla commissione europea.

La situazione della società russa si allaccia anche alla politica. Donald Trump aveva accusato per un’altra situazione la Kapersky di spionaggio. Per questo, Trump ritiene che dietro questa accusa ci sia la Russia.

Come ha reagito Apple

La società di Cupertino ha risposto di aver eliminato quella e altre app simili per il controllo da parte dei genitori, perché ritenute pericolose.

Sembra che molte di queste app avessero sistemi invasivi, che violavano le linee guida di Apple e, ovviamente, le leggi in materia di privacy.

In realtà, sembra che un minimo utilizzo di questi sistemi sia consentito, a patto di chiedere l’autorizzazione direttamente sull’app, ma questo punto è ancora tutto da chiarire,

Questa non è la prima volta che, anche per altri tipi di app, gli sviluppatori ritengono di essere ostacolati nel proprio lavoro, ma ora si deve aspettare la risposta dell’Antitrust russa.

Continue Reading

Copywriter freelance, si occupa di notizie di economia da 8 anni. Per lei, avere una mente finanziaria è il miglior modo per miglirare la vita di tutti i giorni.

Commenta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Vai su
×

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi