Connettiti con noi
irpef

Economia

Ires Irpef Irap prorogati al 10 dicembre

Ires Irpef Irap prorogati al 10 dicembre

Secondo acconto Ires, Irpef e Irap: slitta dal 30 novembre al 10 dicembre il termine ultimo di pagamento. Prevista ulteriore proroga al 30 aprile 2021 per alcune categorie di contribuenti.

Ires Irpef Irap prorogati al 10 dicembre. Oggi, 30 novembre, il popolo delle partite iva avrebbe dovuto versare la seconda (o unica) rata di acconto di Irpef, Ires e Irap, ma a seguito della crisi economica causata dall’emergenza Covid-19, del Dpcm 3 novembre 2020 e successive normative, il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha deciso di prorogare il versamento al prossimo 10.12.2020.

Una scelta obbligata, fatta per non soffocare ulteriormente le tante (potremmo anche azzardarci a dire tutte) attività economiche in crisi.

Ires Irpef Irap prorogati al 10 dicembre

Con Comunicato Stampa del 27.11.2020, il MEF ha così concesso una proroga al pagamento delle imposte sui redditi e dell’Irap, posticipando il termine ultimo di pagamento al 10 dicembre. La misura interesserà tutti i contribuenti soggetti.

Proroga al 30 aprile per imprese con calo del fatturato del 33% nel primo semestre dell’anno, imprese in zona rossa, ristoranti in zona arancione: vedi tutti i dettagli

Viene introdotta, inoltre, la nuova proroga del 30.04.2021, ma solo ed esclusivamente per tre categorie di cittadini:

  • imprese non interessate da ISA, con ricavi non superiori a 50 milioni di euro che, nel primo semestre 2020, hanno subito un calo del fatturato o dei corrispettivi di almeno il 33% rispetto allo stesso semestre dell’anno precedente;
  • soggetti non ISA che operano nei settori economici individuati negli allegati del decreto Ristori bis con domicilio fiscale o sede operativa nelle zone rosse;
  • soggetti che gestiscono ristoranti nelle zone arancioni.

Queste tre tipologie di cittadini potranno godere della proroga del versamento Ires, Irap e Irpef sino al 30 aprile 2021, tuttavia l’importo dovrà essere versato in unica soluzione.

Commenta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Vai su