Connect with us

Finanza

Fondo Pensione: cosa sono e come funzionano

Fondo Pensione: cosa sono e come funzionano

Vota questo articolo

Conviene aprire un fondo pensione? Differenze tra fondi pensione: PIP, Fondo Pensione aperto e chiuso. Come considerare i fondi pensione in un portafoglio globale.

Negli ultimi anni il tema della previdenza complementare ha assunto un ruolo sempre più importante per la visione futura degli investitori ed è cosi che sono nati i fondi pensione.

Il futuro dei pensionati sarà sempre più problematico, basti pensare che le nuove generazioni andranno in pensione con il metodo contributivo, ovvero in base agli effettivi contributi versati durante l’età lavorativa e non come in passato in base alla retribuzione degli ultimi anni.

Questo metodo seppure più corretto dal punto di vista della spesa dello Stato, penalizza i lavoratori delle ultime generazioni con pensioni sempre più basse.

Nel corso del tempo il lavoratore ha visto il allontanarsi sempre più il periodo della pensione, ormai si viaggia verso i settanta anni, e altro fatto non trascurabile, la differenza tra l’ultimo stipendio e il primo assegno pensionistico sarà molto ampio: anche nell’ordine del 50%. 

Se i giovani sono i più svantaggiati, sono proprio i giovani a poter sfruttare il lungo orizzonte temporale per poter risolvere, senza troppi sacrifici, una pensione integrativa.

Fondo Pensione: Come scegliere quello giusto?

I fondi pensione sono i PIP, i fondi pensioni aperti e quelli chiusi.

I PIP e i fondi pensione aperti sono venduti dalle assicurazioni e dalle banche e possono essere sottoscritti anche dai genitori che possono aprire una posizione previdenziale a favore dei figli. I fondi chiusi sono sotto-scrivibili solo da chi appartiene a particolari categorie lavorative ad esempio i chimici, i metalmeccanici, i dipendenti degli enti locali ecc.

I fondi pensione PIP sono fondi venduti dalle assicurazioni e vengono definiti Piani Individuali Pensionistici. Pur essendo venduti come piani individuali non offrono alcun surplus rispetto ai fondi aperti. Il loro svantaggio maggiore è il costo più alto rispetto ai fondi pensione aperti che sono anch’essi sotto-scrivibili da tutti i lavoratori e offrono le stesse opportunità.

I fondi pensione aperti hanno varie linee: obbligazionaria, bilanciata e azionaria. I fondi azionari sono indicati per chi ha davanti a sé un lungo periodo lavorativo.

Man mano che il montante – la somma accumulata più eventuali incrementi – aumenta e man mano che si avvicina l’età della pensione, conviene fare switchsu fondi più tranquilli. Questo per evitare che una crisi azionaria possa erodere negli ultimi anni la somma accumulata.

I fondi pensione chiusi sono rivolti ad alcune categorie lavorative e possono aggregare oltre una quota di risparmio personale anche il TFR e una somma data dal datore di lavoro.

Prima di fare questa scelta bisognerebbe valutare se esiste un fondo pensioen chiuso nella categoria lavorativa di appartenenza così come la bontà del fondo pensione. Alcuni fondi chiusi sono talmente giovani e hanno una massa di denaro così debole da sconsigliarne l’adesione.

Molti risparmiatori aderiscono ai fondi pensione anche per i vantaggi fiscali.

I fondi pensione usufruiscono di varie agevolazioni. Fino a 5164 € di versamento annuo è possibile:

  1. Abbattere la propria aliquota IRPEF. Ad esempio, se una persona ha il 38% di aliquota e versasse il massimo deducibile (1564 € appunto) avrà una agevolazione di 1962 €.
  2. A scadenza il fondo pensione andrà a colmare, parzialmente o totalmente, il Gap rispetto all’ultimo stipendio sotto forma di rendita vitalizia. Si potrebbe optare anche per un riscatto fino a metà di quello che è stato versato e il resto convertito in rendita. Oppure, se la somma maturata è bassa si potrebbe riscattare per intero il montante.
  3. Il fondo pensione inoltre ha una agevolazione sul capital gain che a differenza dei fondi comuni non viene tassato al 26% ma al 20%. mentre le prestazioni sono tassate dal 15% fino a un minimo del 9%.

Fondo Pensione: quanto dura?

Insomma, tutto propende per i fondi pensione che ricordiamolo non possono essere riscattati prima della pensione.

Solo in alcuni casi possiamo chiedere riscatti totali o parziali – perdita di lavoro, chiusura della partita Iva, invalidità permanente fino a 2/3, perdita di lavoro, ristrutturazione o acquisto prima casa, gravi problemi di salute – ma l’idea dovrebbe essere quella di lasciare il fondo pensione fino a che non si siano maturati i diritti alla pensione, le altre necessità andrebbero risolte con strumenti più di breve termine che se da un lato non offrono agevolazioni fiscali, possono essere venduti in ogni momento del ciclo della vita e dei bisogni degli investitori.

Ecco perché conviene non mettere l’intero risparmio nei fondi pensione ed ecco perché, ancora una volta, conviene creare un portafoglio equilibrato. Come abbiamo già raccontato in questo articolo

Continue Reading
Potrebbero interessarti anche

Gianni Bandiera è un professionista, amante del mercato finanziario e esegue corsi di finanza etica.

Commenta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
To Top
×

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi