Finanza italiana: a Piazza Affari il Ftse Mib vola a 25 mila

Finanza italiana che anima i mercati grazie al Ftse Mib a quota 25 mila. La pubblica utilità protagonista nella seduta dello scorso venerdì.
finanza
finanza

La finanza italiana ha veduto lo scorso venerdì animarsi la Borsa di Milano.  I protagonisti della giornata azionaria sono stati i titoli riguardante le principali banche nazionali e quelli riferiti alla pubblica utilità.

A quanto pare il mondo della finanza ha momentaneamente accantonato lo spauracchio della variante pandemica Delta, andando a favorire gli scambi azionari. Pare quindi archiviata la caduta in picchiata a cui abbiamo assistito a inizio di questa settimana, che aveva fatto temere il peggio agli analisti finanziari.

Altro appuntamento importante che ha tenuto tutti con il fiato sospeso, è stato il vertice della Banca centrale Europea. Il tutto si è risolto con una conferma delle proprie posizioni atte a non cedere al ritocco dei tassi d’interesse bancario. Fino alla seconda metà del decennio a quanto pare, i tassi rimarranno invariati. Non si nascondono certo spaccature all’interno della compagine bancaria europea.

Ftse Mib  vola alto a 25 mila punti

Nella giornata di venerdì scorso il Ftse Mib si è portato a quota 25.124,91 punti. Il valore ha registrato quindi una crescita pari ad un +1,29% rispetto al dato registrato in precedenza. Anche lo spread tra quelli italiani decennali e quelli emessi dal Tesoro tedesco, ha registrato una discesa pari a oltre 3 punti percentuali, portandosi a 104 punti base.

Il mondo della finanza italiana ha registrato una giornata all’insegna della positività, vediamo quali sono stati i titoli azionari presenti nella Borsa di Milano, che hanno infiammato lo scorso venerdì.

Titoli bancari: come è andata la chiusura della settimana

Il comparto bancario ha dimostrato segni di stabilità, e di slancio. Tra gli altri si sono fatti notare:

  • Unicredit: il colosso bancario italiano ha portato a segno un + 1.78%.
  • Intesa San Paolo: il titolo ha fatto registrare un + 1.53%.

Il mondo delle utility interessa la finanza italiana

La giornata di chiusura settimana a Piazza Affari, ha puntato l’indice anche sulle Azioni riguardanti il settore della pubblica utilità. Tra gli altri vediamo:

  • Snam: il titolo ha fatto registrare un +1.79%
  • Terna: in giornata si è assistito ad un balzo azionario in avanti pari a +1.92%.
  • A2A: le azioni dell’azienda sono andate a fissarsi ad un +2.83%.

Energia e finanza: segno più per il comparto che anima i mercati azionari

Anche nel mondo dell’energia, la giornata finanziaria è stata contrassegnata dal segno positivo. I colossi dell’energia in Italia, hanno fatto registrare segnali in netta salita. Giornata da record per Seri Industrial che punta sulla transizione verso l’energia ecosostenibile. Vediamo nel dettaglio:

  • Saipem: gli analisti invitano alla cautela per il titolo che registra un + 1,3%.
  • Eni: l’Ente Nazionale Idrocarburi porta a casa un +0.26%.
  • Tenaris: l’Azienda si colloca nel mondo della finanza, quale leader per la produzione di tubi e servizi rivolti all’esplorazione e alla produzione di petrolio e gas. Il titolo balza a + 1.16%.
  • Seri Industrial: il titolo ha toccato un +14.8% portandosi a €7.77 ad azione dopo aver sfiorato il massimo a € 7,97. Complice dell’impennata in Borsa sicuramente la presentazione del nuovo piano industriale che pone l’obiettivo nel 2025 ad avere un fatturato di 15 volte quello del 2020. Vedremo.

 

Avvertenza

 

La presente pubblicazione è stata preparata da Mentefinanziaria.it in completa autonomia e riflette quindi esclusivamente le opinioni e le valutazioni dell’Editore.

In ogni caso, l’Editore non è responsabile per qualsiasi perdita o danno, diretto o indiretto, che possa derivare dall’utilizzo dei contenuti della presente pubblicazione.