Ethereum: cos’è, come funziona l’altcoin e come investire

Ethereum suscita di giorno in giorno sempre maggiore interesse da parte degli investitori. Le criptovalute sembrano essere ormai l’investimento di tendenza del futuro prossimo. Vediamo la seconda moneta digitale che staziona dietro il Bitcoin, cosa offre, e i meccanismi che la regolano.
Ethereum
Ethereum

Ethereum è la criptovaluta che sul mercato è seconda per capitalizzazione, solo ai famosi Bitcoin. Stiamo vivendo una fase in cui ormai le criptovalute stanno prendendo sempre maggiore spazio nel settore finanziario. Ad un primo, fugace, sguardo le valute digitali sembrano essere tutte uguali, tanto da essere comunemente raggruppate tutte sotto il termine di criptovaluta. Ma a quanto pare invece ciascuna di loro ha delle precise caratteristiche, che è meglio approfondire.

Ethereum: cos’è?

Quando parliamo di Ethereum per prima cosa dobbiamo far presente che il suo focus si differenzia in maniera sostanziale dai Bitcoin, spesso presi come riferimento. Infatti Ethereum è in sostanza una piattaforma digitale che formula contratti intelligenti (Smart Contract), per mezzo di un linguaggio di programmazione. Il suo essere il risultato di tutta una serie di computer presenti in rete, lo rende decentralizzato e non individuabile, né attaccabile. Pertanto si tratta di una struttura digitale praticamente che sfugge ad ogni controllo o censura. I computer sparsi nella rete digitale cedono parte della loro potenza di calcolo, per poter operare. Ora quindi risulta essere chiaro che il concetto di criptovaluta non calzi propriamente a pennello per  Ethereum. Semmai la sua criptovaluta di riferimento è Ether che viene considerata l’energia necessaria a muovere i grandi ingranaggi dell’anima digitale.

Come funziona l’altcoin Ether?

La missione principale di Ethereum quindi è come abbiamo detto, quella di generare dei contratti intelligenti. Questi vengono chiamati Smart Contract. Per comprendere facilmente il loro raggio d’azione, questi sono ben identificabili nell’impiego di: crowfunding, nella gestione dei sistemi elettorali, la gestione dei domini in rete e nelle operazioni finanziarie. Gli Smart Contract inoltre esulano impiego di intermediari legali, operando tuttavia in totale sicurezza. I dati che costituiscono gli Smart Contract, sono totalmente crittografati, e quindi con massimi livelli di protezione.

Ethereum: come investire

Le principali piattaforme digitali che consentono di poter investire in Ethereum attraverso CDF (contratti per differenza) sono:

Altra tipologia di investimento per Ethereum è accedere attraverso le piattaforme di criptovalute. Qui entrano in gioco le commissioni riguardanti prelievi, e depositi. Prima di procedere all’acquisto della criptovaluta Ether, bisogna entrare in possesso di un portafoglio elettronico in cui verrà custodita la moneta digitale. In alcuni casi sarà possibile poterne acquistarne, solo andando ad utilizzare altre divise digitali. In  altre piattaforme si potrà invece operare acquistando per mezzo di moneta flat. Se ne deduce che la diversa tipologia di acquisto in questo contesto, risulta essere alquanto determinante. Ether a quanto pare è il vero propulsore che consente di dare vita a tutta una serie di operazioni a cascata, messe in campo da Ethereum, tanto da risultare tra le più appetibili del momento.

L’andamento annuale di Ethereum negli ultimi anni, ha veduto una partenza nel 2016 con 72 milioni di dollari, fino ad arrivare nel 2019 ad una stima pari a 14,6 miliardi. La sua quotazione massima si è registrata nel 2018 con 135,4 miliardi di dollari. Il suo meccanismo è attivo attraverso una blockchain in cui tutte le operazioni finanziarie compiute, vengono annotate in un vero e proprio registro pubblico. Gli utenti partecipanti alla piattaforma devono validare ciascun blocco nuovo, prima della registrazione.

Avvertenza

La presente pubblicazione è stata preparata da Mentefinanziaria.it in completa autonomia e riflette quindi esclusivamente le opinioni e le valutazioni dell’Editore.
In ogni caso, l’Editore non è responsabile per qualsiasi perdita o danno, diretto o indiretto, che possa derivare dall’utilizzo dei contenuti della presente pubblicazione.