Connettiti con noi
App anti covid

Finanza

Cosa cambia sul conto corrente da gennaio? Di seguito le nuove novità

Cosa cambia sul conto corrente da gennaio? Di seguito le nuove novità

La novità che coinvolge i conti correnti riguarda uno sviluppo volto a migliorare il sistema di sicurezza attraverso l’attivazione del PSD2, l’obiettivo è tutelare maggiormente i dati di accesso  al conto corrente.

Il sistema di sicurezza, a partire da gennaio 2021, muterà con l’obettivo di tutelare maggiormente le modalità  per effettuare i pagamenti.

L’Unione Europea attraverso una nuova norma volta a tutelare i dati degli accessi al conto corrente. Chiedendo alle banche di aumentare ulteriormente la security,  e ridurre al massimo la possibilità di furto dei dati da parte degli hacker. E’ il PSD2 il nuovo sistema di accesso.

La normativa è inserita all’interno di un pacchetto di riforme già avviate dall’UE per un ulteriore regolamentazione dei sistemi di pagamento e purtroppo giunge in ritardo rispetto al previsto. L’iter era iniziato già nel 2016 è sarebbe dovuto già essere operativo dal 2018.

Pagamento con Bancomat o carta di credito: Cosa cambia?

In data 13 gennaio 2018 è stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale il decreto legis 15 dicembre 2017, n. 218 di attuazione della PSD2 e normava l’ adeguamento delle disposizioni interne al Regolamento (UE) n. 751/2015 per quanto concerne le commissioni interbancarie sulle operazioni di pagamento basate su carta.

La direttiva UE dei sistemi di pagamento (PSD2), ha di fatto abrogato la precedente direttiva UE dei sistemi di pagamento PSD, costringendo tutti gli istituti di credito a muoversi per adeguarsi alla nuova tecnologia.

Tra le tante novità si prevede che per poter effettuare un pagamento tramite POS, l’utente dovrà installare l’app della propria banca sul proprio dispositivo mobile, attraverso il quale verrà inviata una notifica di conferma da parte della banca  atta a concedere l’autorizzazione.

Contestualmente l’utente dovrà verificare i dati biometrici dell’identità del richiedente,  riconoscimento facciale o impronta digitale, sistema che è già tutt’oggi presente per chi compie operazioni di pagamento online.

La verifica ovviamente non comprende solo i pagamenti tramite le carte di credito o bancomat, ma anche l’accesso diretto ai conti online, i servizi di spesa offerti dell’e-commerce e shopping online da parte di banche e nuovi operatori di mercato.

Continue Reading
Potrebbero interessarti anche

Laureata in Economia Aziendale e Management, appassionata di economia e finanza e amante della lettura.

Commenta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Vai su
×