Connettiti con noi

Economia

Cina: la Banca Centrale abbassa il valore dello Yuan di nuovo

Cina: la Banca Centrale abbassa il valore dello Yuan di nuovo

La Cina sceglie di abbassare ancora il valore della sua moneta per fronteggiare la guerra dei dazi.

La Cina ha svalutato di nuovo la sua moneta, lo Yuan, dopo averlo fatto solo poco tempo fa. In più, la Banca Centrale cinese ha ridotto i tassi di interesse che si applicano ai prestiti commerciali, passando dal 4,31% al 4,25%.

Le soluzioni della Cina annunciate oggi dalla Banca Centrale cinese (Pboc) sono state accolte con sorpresa. Anche gli analisti pensavano ha un taglio dei tassi di interesse per i prestiti commerciali, con un interesse del 4,24%, ma ci sono andati molto vicino.

La vera sorpresa è la nuova svalutazione della moneta della Cina che al cambio con dollaro ora è fissata a 7,0454.

Secondo gli analisti la Cina sta ripassando i costi del prestito bancario per aumentare la possibilità per le piccole e medie imprese di accedere al capitale che serve per investire.

In questo modo, il Governo cinese aiuta le aziende che si sono trovate davanti alla guerra dei dazi. Pechino sviluppa allo stesso tempo la crescita esponenziale del Paese, che recentemente aveva registrato un segno meno, anche se di lievissima entità rispetto a quanto gli analisti internazionali si aspettavano.

La situazione nel Paese

Tutto questo avviene mentre continuano le manifestazioni nel polo economico della Cina, ovvero Hong Kong. Le manifestazioni hanno comportato un crollo dei rendimenti generali di quest’area e il governo cinese mantiene la linea dura.

La Cina subisce anche le pressioni di Donald Trump, che proprio ieri ha auspicato che il presidente cinese incontrasse di persona i manifestanti Hong Kong per trovare una soluzione pacifica.

Lo stesso Trump sta chiedendo alla Fed di abbassare ulteriormente il tasso di cambio relativo al Dollaro. Non si tratta solo della situazione con la Cina. Un dollaro molto forte ha un costo di emissione maggiore, che ora come ora sui mercati globali gli Stati Uniti non possono permettersi.

L’unica certezza è che la Cina sta giocando tutte le sue carte sui mercati globali per sviluppare la propria economia agli stessi ritmi degli ultimi 30 anni e che potrebbe avere in serbo nuove sorprese per settembre.

Copywriter freelance, si occupa di notizie di economia da 8 anni. Per lei, avere una mente finanziaria è il miglior modo per miglirare la vita di tutti i giorni.

Commenta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Vai su
×

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi