Connettiti con noi

Notizie

Bonus mamma 2020: cos’è, come funziona, requisiti

Bonus mamma 2020: cos’è, come funziona, requisiti

Bonus mamma 2020: tutto quello che c’è da sapere

Bonus mamma 2020, come funziona? Il cosiddetto “bonus mamma domani” non ha alcuna scadenza: è stato istituito nel 2017 ed è in vigore anche per l’anno 2020.

Si tratta di una misura una tantum che viene elargita per ogni nuovo ingresso in famiglia:

  • nascita
  • adozione
  • affidamento preadottivo

Bonus mamma: le cifre

Come detto poc’anzi, tale bonus è una tantum, cioè una cifra data una sola volta: si parla di 800 euro a figlio che vengono dati dall’Inps.

In caso di un parto gemellare, la cifra verrà raddoppiata e così via. Altra caratteristica fondamentale dell’agevolazione è che non ha limiti di reddito come, invece, il bonus bebè.

Bonus mamma 2020: quali sono i requisiti?

I requisiti per accedere all’agevolazione sono i seguenti:

  • cittadinanza italiana o cittadinanza comunitaria;
  • residenza nello Stato Italiano;
  • rifugiate e cittadine che hanno un permesso di soggiorno regolare;
  • certificato medico attestante la data presunta del parto.

Come si presenta la domanda?

La domanda, come spiega l’Inps sul suo sito ufficiale deve essere fatta dalla futura madre “al compimento del settimo mese di gravidanza (inizio dell’ottavo mese di gravidanza) o alla nascita, adozione o affidamento preadottivo”.

Il bonus, dunque, è rivolto alle madri per uno dei seguenti eventi:

  • compimento del 7° mese di gravidanza;
  • parto (anche se antecedente all’ottavo mese);
  • adozione del minore;
  • affidamento preadottivo.

L’importo spettante è 800 euro elargito in un’unica soluzione attraverso:

  • carta prepagata con Iban;
  • bonifico domiciliato presso ufficio postale;
  • accredito su conto corrente;
  • libretto postale;
  • accredito su conto corrente postale.

La domanda dovrà essere inoltrata dopo il compimento del settimo mese di gravidanza e comunque entro un anno dal verificarsi dell’evento.

La donna interessata a questa agevolazione una tantum può presentare richiesta tramite:

  • patronato;
  • contact center Inps (numero 803 164, gratuito da rete fissa, oppure 06 164 164 da rete mobile);
  • servizio telematico Inps con servizio dedicato.

Nell’ultimo caso è possibile scaricare il manuale per l’utente che spiega per filo e per segno cosa fare con tutte le funzionalità del servizio.

Continue Reading
Potrebbero interessarti anche
Commenta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Vai su
×