Bitcoin valore in calo: cosa sta accadendo

Bitcoin valore in calo in questi ultimi giorni. Il mese di maggio 2022 sta registrando un vertiginoso calo delle criptovalute. Ecco cosa sta accadendo.
bitcoin
bitcoin

Bitcoin valore che ha toccato negli ultimi giorni, il suo minimo dal 2021. Gli analisti finanziari in merito alle ultime notizie bitcoin sono molto cauti, pur azzardando nuove previsioni. Sono sotto stretta osservazione i grafici crypto e si segue con grande attenzione l’andamento criptovaluta. Cerchiamo quindi di meglio comprendere cosa stia accadendo alle valute digitali e cosa aspettarsi a breve termine, in ambito finanziario.

Bitcoin valore a maggio 2022: cosa sta accadendo

Il bitcoin valore nell’avvio di settimana ha toccato il valore di 30 mila dollari, andando poi a recuperare fino ad assestarsi a 31 mila. quello che però sta preoccupando gli analisti, non è tanto il bitcoin valore attuale, quanto la discesa in picchiata che si sta manifestando nel corso degli ultimi mesi.

Con dati alla mano si sta prendendo atto che dallo scorso novembre ad oggi, la valuta digitale ha incassato un calo pari a oltre il 50% del suo valore. Infatti il massimo storico in passato, si è attestato a ben 69 mila dollari.

A tal riguardo gli analisti in merito al bitcoin valore nel tempo, ci tengono a precisare che le criptovalute ormai risultano essere sempre più subordinate dai risultati dei grandi titoli tecnologici, che troviamo sul Nasdaq e su S&P 500. Infatti la quotazione criptovaluta viaggia in stretta correlazione con gli indici azionari, in maniera molto evidente: 0,69 con Nasdaq e 0,82 con S&P 500.

Ecco quindi che il calo delle valute elettroniche ha accusato un vistoso calo, quando questi hanno accusato rispettivamente nell’ultimo semestre, circa il 24% e il 14% del valore aggregato.

Bitcoins: prospettive a breve termine

Coloro che hanno scommesso che il bitcoin valore potesse conoscere solo ascese, si stanno ricredendo. Ciò però sta originando anche una dilagante preoccupazione tra gli investitori. È stato stimato che oltre il 40% di coloro che hanno affidato i loro fondi alle monete digitali, ora siano a rischio di incappare in problemi finanziari.

Ecco perché c’è crisi nelle criptovalute

Perché il settore crypto è in crisi? Chi si sta interrogando sulla situazione che sta coinvolgendo i bitcoin, chiama in causa inevitabilmente anche la grande incertezza politica ed economica a livello globale. Ecco quindi che si tende a investire su fronti ritenuti più affidabili, tra cui l’oro.

Ecco che i titoli ritenuti più speculativi ma contestualmente anche più a rischio, comprendono non a caso proprio ora le cryptovalute. A riprova ecco la conferma con l’oro che ha veduto un apprezzamento del 2,5%.

Bitcoin, criptovalute e NFT nel corso del 2021 hanno evidenziato una crescita degli investimenti che li riguardano, davvero prorompente. Gli esperti hanno quantificato un volume d’affari per l’anno ormai agli sgoccioli, pari al totale di quello operato negli ultimi 10 anni.

Bitcoin Criptovalute, e NFT: gli incredibili dati del 2021

Quello che stiamo per salutare, si è rivelato essere davvero l’anno d’oro per il Bitcoin e le valute digitali. Sono stati registrati investimenti da ricondurre a condizioni economiche davvero favorevoli, andando anche a fronteggiare anche le avversità che si sono manifestate.

I dati degli investimenti che sono stati a segno nel corso degli ultimi 12 mesi danno come valore di una capitalizzazione pari a 3 trilioni di dollari. A quanto pare si è giunti a tale livelli finanziari, anche ai fondi messi a disposizione da parte venture capital. Infatti pare che tale comparto abbia investito circa 30 miliardi di dollari, nelle valute digitali.

I dati economici evidenziati sono il risultato di un’approfondita ricerca messa in atto da PitchBook Data. Si è tenuto in considerazione la movimentazione azionaria delle valute digitali, fino alla data dello scorso 15 dicembre.

Il dato rilevato da tale ricerca che ha davvero dell’incredibile è che nell’anno che sta per chiudersi, i fondi di capitale di rischio investiti corrispondono alla  somma di quanto investito  sui Bitcoin e sulle criptovalute, negli ultimi 10 anni. Insomma un vero e proprio anno d’oro per le divise digitale con il Bitcoin in testa. I dati riportano alla luce che le risorse investite nel comparto delle divise tecnologiche, vedono un incremento pari al quadruplo. Così facendo si è andato a polverizzare il precedente record conseguito nel 2018, in cui il settore del Bitcoin e affini, aveva agguantato il valore di 8 miliardi di dollari di investimenti.

La top 5 degli investitori nelle criptovalute

Bitcoin e NFT, hanno interessato grandi mole d’investimenti. In questo caso gli Statu Uniti d’America hanno fatto la parte del leone, andando a collocare investimenti nelle valute digitali, pari a 7,2 miliardi di dollari nell’ultimo anno.

Attraverso il report stilato da PitchBook Data sono state messe in evidenza quali siano state le operazioni prevalenti che hanno conquistato il migliore dei risultati d’investimento.

Sulla vetta più alta del podio di chi ha puntato sui Bitcoin e sulle criptovalute, trova posto FTX specializzato nell’exchange di derivati crypto. In sua compagnia troviamo anche Custodian New York Digital Investment Group. Entrambi i colossi dell’investimento americano sono riusciti a movimentare 1 miliardo di dollari ciascuno. Ai due mostri sacri fa seguito il fornitore di piattaforme blockchain nel comparto del game: Forte. L’operatore finanziario ha messo a punto un volume d’affari pari a 725 milioni di dollari. Con MoonPay ritroviamo invece una società molto attiva nello sviluppo di infrastrutture di pagamento per le criptovalute. Questa si è andata a assicurare un finanziamento di 555 milioni di dollari. Dapper Labs chiude la classifica al 5° posto, con la sua attività che ha raccolto sul mercato 350 milioni di dollari nel 2021. Chissà cosa ci aspetta con i Bitcoin per l’anno in arrivo.

 

Avvertenza

La presente pubblicazione è stata preparata da Mentefinanziaria.it in completa autonomia e riflette quindi esclusivamente le opinioni e le valutazioni dell’Editore.

In ogni caso, l’Editore non è responsabile per qualsiasi perdita o danno, diretto o indiretto, che possa derivare dall’utilizzo dei contenuti della presente pubblicazione.

Articoli Correlati