Rottamazione-ter e Saldo e stralcio: prolungate le scadenze

Rottamazione- ter e Saldo e stralcio, con nuovo prolungamento dei termini per i pagamenti. Vediamo tutte le novità introdotte dall’ultimo Decreto Fiscale.
rottamazione
rottamazione

Rottamazione- ter e Saldo e stralcio, con prolungamento dei termini di pagamento, delle rate scadute. Grazie alle ultime disposizioni dettate dal Governo Draghi, saranno riammessi all’agevolazione, tutti quei contribuenti che hanno veduto decadere il beneficio, per non aver rispettato i termini previsti. Con il nuovo Decreto Fiscale, arriva quindi un’altra chance, per mettersi in regola con il Fisco italiano.

Scadenze per il pagamento delle cartelle esattoriali Rottamazione -ter

Con il nuovo Decreto Fiscale di fatto vengono riammessi al all’agevolazione, quei contribuenti che non avranno rispettato i termini di pagamento delle rate 2020, come da Decreto Sostegni bis. Erano state offerte in tale occasione, le opportunità di poter rateizzare i pagamenti già in corso, dall’8 marzo 2020.

Ora sono giunte novità in merito di Pace Fiscale e Riscossione, grazie al Decreto Fiscale (DL n. 146/2021), pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale lo scorso 21 ottobre 2021.

5 mesi in più per i contribuenti, per mettersi in regola

Grazie al decreto Fiscale, sono previsti ulteriori 5 mesi di tempo utile ai contribuenti, per provvedere al pagamento delle rate ormai scadute. Alle cartelle esattoriali  notificate dal 1° settembre al 31 dicembre 2021, non saranno applicati gli interessi di mora. Inoltre cambia il termine di notifica che passa da 60 a 150 giorni, prima che l’Agente della riscossione possa dare il via al procedimento del recupero del debito iscritto al ruolo. Sarà invece ripristinato il termine ordinario di 60 giorni dalla data di notifica. La novità sarà in essere, a partire dal 1° gennaio 2022, per le cartelle di pagamento da notificarsi.

Arrivano le nuove scadenze Rottamazione-ter, per i piani di rientro

Ancora qualche giorno a disposizione dei contribuenti con i piani di dilazione definiti lo scorso 8 marzo 2020. Il Decreto fiscale ha sancito un nuovo termine per provvedere alle rate in scadenza della Rottamazione-ter, o del saldo e stralcio. La data fissata per chi dovrà provvedere ai pagamenti, è quella del  prossimo 31 ottobre 2021. Inoltre i contribuenti che si troveranno in difetto con i pagamenti, vedono estese a 18, le rate massime per vedere decadere il beneficio fiscale. Pertanto coloro che hanno interrotto i pagamenti delle rate in scadenza durante l’intero periodo della sospensione, sono tenuti a versare un numero di rate tale, al fine di  evitare la decadenza dal beneficio della dilazione. Tale eventualità si andrà a verificare con il mancato pagamento di 18 rate.

Termini di pagamento per i contribuenti in Zona Rossa

Il recente Decreto Fiscale  oltre che prevedere ulteriori 5 mesi di dilazione, pone l’attenzione su coloro che abbiano la residenza o sede legale nei comuni della fascia territoriale denominata  “Zona Rossa”. Infatti a loro  la sospensione decorre dal 21 febbraio 2020.

Pertanto in merito alle rateizzazioni della Rottamazione-ter o Saldo e stralcio concesse dopo l’8 marzo 2020 e per quelle riferite a richieste presentate entro il prossimo a31 dicembre 2021, la decadenza  dell’agevolazione si andrà a profilare  dopo l’eventuale  mancato pagamento di 10 rate. In merito alle  dilazioni concesse dopo la data dell’8 marzo 2020 con rate in scadenza durante il periodo di sospensione emergenziale (a decorre dall’8 marzo 2020, fino ad 31 agosto 2021) il termine per provvedere al pagamento è fissato inderogabilmente allo scorso 30 settembre 2021.

Articoli Correlati