Juventus, crolla a Londra e in Borsa: azioni- 9%

Juventus da dimenticare in campo e a Piazza Affari. Cerchiamo di capire cosa sta succedendo alla squadra torinese, che ha registrato un tonfo azionario pari al – 9%.
Juventus
Juventus

Juventus che stavolta balza nelle prime pagine di tutti i giornali italiani, per aver registrato un doppio tonfo, sia in ambito sportivo, che in quello finanziario. la società di calcio torinese, ha reso noto che darà avvio all’aumento di capitale, il prossimo 29 novembre 2021. A quanto pare è già stato firmato il contratto di garanzie che vede il coinvolgimento di istituti di credito. Tale notizia ha fatto immediatamente crollare il titolo della squadra torinese. Le azioni Juventus fanno immediatamente un tonfo in borsa arrivando a perdere il 9%, nell’ultima seduta in Borsa.

Juventus con i suoi conti in rosso

L’aumento di capitale appena comunicato è il secondo in 2 anni. L’aumento di capitale appena messo a punto per la squadra torinese ha veduto da parte dell’assemblea degli azionisti, lo scorso 29 ottobre scorso. Si tratta quindi della seconda ricapitalizzazione della Juventus a cui assistiamo a breve termine. Già a fine 2019 avevamo assistito ad un aumento pari a € 300 milioni. Le notizie in merito all’ultimo bilancio della società, vede una perdita netta di – € 209,9 milioni, stimata al 30 giugno 2021. L’Esma, l’Autorità di Borsa europea, ha posto la sua attenzione in merito all’indebitamento finanziario della squadra di calcio netto al 30 giugno. Secondo l’Autorità questo aveva un valore nettamente superiore, pari a € 515,4 milioni. Alla data del  30 settembre scorso, la Juventus ha fatto registrare debiti finanziari netti pari a € 327,4 milioni.

 

Tonfo in Borsa della Juventus

Le azioni Juventus nell’ultima seduta ha fatto registrare una caduta in picchiata che è andata oltre il  9% negli scambi milanesi. Un’altalena azionaria in forte ribasso, che ha dato il meglio di sé nel corso di tutta la giornata.

 Exor scende in campo

La Juventus ha fatto sapere che il suo socio EXOR ha assunto nei confronti della società sportiva impegni di lock-up. In poche parole ha assunto la promessa di non andare a vendere le azioni bianco nere, dalla durata di 180 giorni a decorrere dall’aumento del capitale societario. A fine agosto scorso Exor aveva già versato  la cifra di € 75 milioni in vista di un futuro aumento di capitale.

In arrivo nuova ondata di azioni

Attraverso un comunicato stampa la Juventus ha reso noto che saranno emesse 1.197.226.782 azioni ordinarie Juventus, prive di valore nominale espresso. Queste avranno le stesse particolarità delle azioni ordinarie Juventus con godimento regolare, che già si trovano in circolazione.

Ad oggi possiamo trovare 1.330.251.988 di azioni riguardanti la squadra bianco nera. Il nuovo prezzo che è stato stabilito per le nuove azioni della Juventus, è «da imputarsi quanto a 0,01 euro a capitale sociale e quanto a 0,324 euro a sovrapprezzo. Il controvalore dell’Offerta in Opzione sarà pertanto pari a massimi 399.873.745,19 euro».

Inoltre coloro che vorranno approfittare di questo nuovo blocco di azioni Juventus messe sul mercato, vedranno essere presente nel prezzo di sottoscrizione, uno sconto del 35,32%. Si tratta circa di una percentuale che si riferisce al prezzo teorico ex diritto delle azioni ordinarie Juventus. Questo è calcolato sulla base della quotazione di chiusura del 22 novembre. I diritti di opzione per aggiudicarsi le  nuove azioni bianco nere, saranno negoziabili in Borsa fino al prossimo 10 dicembre.

Avvertenza

La presente pubblicazione è stata preparata da Mentefinanziaria.it in completa autonomia e riflette quindi esclusivamente le opinioni e le valutazioni dell’Editore.

In ogni caso, l’Editore non è responsabile per qualsiasi perdita o danno, diretto o indiretto, che possa derivare dall’utilizzo dei contenuti della presente pubblicazione.

 

Articoli Correlati