Borsa italiana: titoli da seguire in questa settimana

La borsa italiana in questa settimana punta i riflettori sui titoli azionari che potrebbero meglio buttarsi alle spalle la chiusura al ribasso dello scorso venerdì. Vediamo chi sono, e come operare.
borsa italiana
borsa italiana

La borsa italiana ha chiuso la sessione della scorsa settimana, facendo registrare evidenti segnali di affaticamento, a Piazza Affari.

Gli esperti di borsa  hanno puntato il dito verso il FTSEMib40, che ha chiuso la scorsa settimana dedicata agli scambi, a quota 24.792,78 punti. La sua performance è risultata essere negativa con un valore pari all’1,03%.

Il settore dei beni di consumo con una crescita del 3.12% e il comparto tecnologico con una crescita di 3.77%, sono stati i settori che hanno fatto meglio degli altri nel corso delle scorse sedute.

Viaggi e tempo libero nella borsa italiana sono stati invece i comparti contrassegnati dal segno in rosso. 3.48% il calo registrato dal comparto che suggerisce divertimento, e relax.

Analisi a breve periodo nel panorama azionario nella borsa italiana

La pressione dei venditori non produce di certo segnali incoraggianti per la borsa italiana. Il FTSEMib40, ancora una volta appare agli esperti del settore borsistico, in netto affaticamento. Ci si aspetta a questo punto la rottura della resistenza, fissata a quota 25.900 punti. Ciò farebbe presagire un’uscita in rialzo dalla situazione laterale.

 Come vedono gli esperti lo scenario a breve termine

Le possibili evoluzioni azionarie potrebbero includere a detta degli analisti, una rottura del supporto statico  a 24.00 punti. Si auspicherebbe un entri in area 23.800 punti. Il primo obiettivo utile lo si vede invece a quota 23.300 punti, ed un secondo in area 22.600 punti.

Scenario a long a detta degli analisti finanziari

A quota 25.390 punti definirsi uno stop loss, in area inferiore il supporto statico. Per quanto concerne invece Il primo target di riferimento, lo si potrebbe vedere collocarsi a 27.000 punti, con un secondo target a 28.000 punti.

Scopriamo i titoli azionari da seguire  questa settimana in borsa

Sotto il profilo tecnico, ecco i titoli che certamente saranno degni di attenzione, da parte degli addetti ai lavori:

  • Snam: il titolo azionario prosegue con la sua volata nella borsa italiana. Il comparto delle utility resiste a quanto pare, ponendosi quindi alla prova della resistenza con quota € 5. Possibile rottura del titolo solo a € 5,20. Gli analisti identificano a €4.84 un netto rifiuto dell’area di prezzo.
  • Interpump: il titolo ha fatto registrare nel corso della giornata di chiusura della Borsa italiana lo scorso venerdì, un valore pari a€51,50 ad azione. Il suo segno di forza però non ha evidenziato un allungo, come ci si auspicava. Sembra sempre più accessibile il raggiungimento del titolo a quota 53 euro, a cui potrebbe far seguito l’area a € 55 euro.
  • Terna: abbiamo assistito negli ultimi mesi ad un‘impennata avviata dallo scorso marzo. Il titolo offre segni di stabilità, ponendosi in area € 6,37 prima e poi a quota € 6,50 euro. Gli esperi della borsa italiana indicano un primo obiettivo long fissarsi a € 6,8 euro. Solo sotto € 6,38 potrebbe essere attendibile un cambio di scenario.
  • CNH Industrial: in borsa italiana è il momento ora per il titolo, di mantenere quanto guadagnato nelle ultime sedute. Si assiste in borsa al titolo si colloca al test del supporto in zona €13,30. Lo stazionamento in zona € 12,95 porterebbe le azioni al misurarsi con i minimi di seduta. Si potrebbe profilare un cambio di direzione solo sopra quota € 14,10.
  • Prysmian: troviamo in borsa  il titolo a quota € 30,90. che non sembra essere in grande forma. solo i €32 potrebbero prospettare un allungo in borsa. Gli analisti indicano €29,70 nell’eventualità di una forte pressione dei mercati. Solo allora si andrebbe verso il ribasso azionario.

Avvertenza

La presente pubblicazione è stata preparata da Mentefinanziaria.it in completa autonomia e riflette quindi esclusivamente le opinioni e le valutazioni dell’Editore.
In ogni caso, l’Editore non è responsabile per qualsiasi perdita o danno, diretto o indiretto, che possa derivare dall’utilizzo dei contenuti della presente pubblicazione.